Sulla base dei risultati delle recenti ricerche, d-chiro-inositolo è il più promettente composto per il trattamento della sindrome dell’ovaio policistico.

Il successo di d-chiro-inositolo nel trattamento della sindrome dell’ovaio policistico è associato a scopo di DCI a resistenza all’insulina. Secondo Mark A., V. Grisendi, Dondi G. Cianci Sighinolfi e A, nei loro studio The menstrual cycle regularization following D-chiro-inositol treatment in PCOS women: a retrospective study” (La regolarizzazione del ciclo mestruale seguento trattamento con D-chiro-inositolo in donne con PCOS: uno studio retrospettivo), pubblicato nel PubMed con ID 25268566 “L’efficacia di D-chiro-inositolo (DCI) per migliorare la resistenza all’insulina nei PCOS è stato confermato in diversi studi”. Un’altra ricerca “Effects of d-chiro-inositol in lean women with the polycystic ovary syndrome (Effetti di D-chiro-inositolo nelle donne magre con la sindrome dell’ovaio policistico) diretta da Iuorno MJ, Jakubowicz DJ, Baillargeon JP, P Dillon, RD Gunn, Allan G e Nestler JE e pubblicati in PubMed ID 15251831, gli autori concludono che “in donne magre con PCOS, D-chiro-inositolo riduce l’insulina circolante, diminuisce i livelli sierici di androgeni, e riduce alcune delle anomalie metaboliche (pressione sanguigna aumentata e ipertrigliceridemia) dal sindrome X “.

La maggior parte delle persone otteniamo l’inositolo di cui abbiamo bisogno dal cibo che mangiamo e convertiamo a DCI l’importo richiesto dal nostro corpo. Le donne con PCOS hanno difficoltà a fare questa conversione conseguente nella resistenza all’insulina. Oppure può essere che le donne con PCOS convertono l’inositolo in DCI correttamente, ma poi lo espellano troppo facilmente, causando lo stesso problema che nessuna conversione. Il principale problema causato dalla mancanza di DCI per le donne con PCOS è che il testosterone viene rilasciato in grandi quantità e questo porta alla perdita dei capelli, crescita di peli superflui sul corpo, acne, distribuzione del grasso maschio, interrotto o la mancanza di cicli mestruali e la sterilità. In questi casi, un supplemento da DCI può contribuire a colmare questa lacuna. Come Galazis N., Galazi M e W. Atiomo mostrarono nei risultati delle loro ricerche D-Chiro-inositol and its significance in polycystic ovary syndrome: a systematic review (D-chiro-inositolo e la sua importanza nella sindrome dell’ovaio policistico: una revisione sistematica), pubblicato nel PubMed con ID 21142777, “la somministrazione di DCI ha avuto effetti benefici sull’ovulazione e antropometrici e metabolici marcatori nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico  attraverso di migliorare l’insulina”.

A causa di uno squilibrio ormonale associato con la sindrome dell’ovaio policistico, la disfunzione ovarica è sempre un problema per le donne affette da PCOS. Queste donne soffrono come un sintomo della sua condizione anovulazione, quello che significa è che le loro uova non raggiungono la maturità e il rilascio. Questo porta a ovaio policistico (da qui il nome), le cisti formata nelle ovaie sono in realtà le uova bloccate nella fase follicolare. Tutto questo si traduce in problemi di infertilità, una delle principali preoccupazioni per molte donne con PCOS. Secondo la ricerca Evaluation of ovarian function and metabolic factors in women affected by polycystic ovary syndrome after treatment with D-Chiro-Inositol  (Valutazione della funzionalità ovarica e fattori metabolici nelle donne con sindrome dell’ovaio policistico in seguito al trattamento con D Chiro-inositolo) condotto da Laganà AS, Barbaro A L e Pizzo, pubblicato in PubMed ID 25416201 “D-chiro-inositolo è efficace nel migliorare la funzione ovarica e il metabolismo dei pazienti con sindrome dell’ovaio policistico. “

Anche se più studi clinici e ricerche sono necessarie sul tema, D-chiro-inositolo sembra essere il più promettente inositolo per il trattamento di questa condizione subita da tante donne.